martedì 20 settembre 2011

Ed ora vi presento i folletti di Colleincanto


Il responsabile del percorso per l'asilo nido e la scuola dell'infanzia è il folletto Mentino.E' il capo del villaggio....attenzione perchè se vi passa vicino sentirete suonare un..campanellino!


Folletto Mentino

Con lui ci sono altri folletti che con i loro amici animali accompagnano i bimbi nel percorso psicomotorio.

Folletto Nocciolino
Folletto Nocciolino esplora il sottobosco alla ricerca di noci,ghiande e nocciole
da sgrannocchiare in compagnia!


Folletto Salterino
Tra i folletti è il più piccino,è un acrobata instancabile.Tra ruote e capriole rallegra tutti i suoi
amici animaletti!
Folletto Sonnacchione
Del bosco di sicuro è il gran dormiglione...in un lettino di foglie secche passa l'inverno sognando il risveglio dei fiori di primavera.

Folletto Squitt-Squitt
Tra funghi e foglie secche gioca a nascondino,con l'amico di sempre : il topolino!.


Folletto Beppe
E' il folletto minatore,nella pancia della terra cerca pietre preziose per ore e ore!

Folletto Panciottino
Il cuoco del villaggio ai folletti rende omaggio,con torte prelibate e di verdure gran frittate!


Ma dovete sapere che a Colleincanto sono due i villaggi dei Folletti,infatti
ecco il responsabile del villaggio dei Folletti Coltivatori e del percorso dei bimbi più grandicelli:
Folletto Fattore:è un istancabile lavoratore,pioggia vento o neve che sia lo vediamo sempre indaffarato e mai annoiato!

Folletto Quagg



Folletto Rurel

Folletto Servan



Folletto Squass

 


Ogni folletto del villaggio ha una propria mansione che deve scrupolosamente svolgere con precisione e nei tempi giusti. C’è il Folletto Squass[1]: che custodisce gli attrezzi da lavoro e fa in modo che le lame siano sempre affilate, che le vanghe siano pulite e con i manici belli dritti, che ai rastrelli non manchino i denti. C’è poi il folletto Servan[2] che zappa, rivolta ed ara la terra. C’è il folletto Sabbiolino[3]

Folletto Sabbiolino




che raccoglie il concime degli animali che vivono a Colleincanto: gli asinelli Bea e Lulù, la coniglietta Sissi,   le galline Giacomina e Giovanna con i loro pulcini, il gallo Giocondo le oche Lia, Argia e Mercedes. Il concime è poi raccolto in grossi cesti di vimini e sparso attorno alle mele, alle more, nei prati e nell’orto. Poi c’è il folletto Quagg[4] che traccia i filari nell’orto e mette a dimora le piccole piantine di pomodoro, zucchine, sedano e carote. Il semi dei legumi come i fagioli e le fave. Le talee di rose, salici e gerani per abbellire le aiuole e molto altro ancora necessario per sfamare il grande popolo dei folletti. Infine c’e il Folletto Rurel [5]che ha il compito di conservare la frutta e la verdura per l’inverno e di raccoglie e frutti naturali del bosco come le nocciole, le ghiande, i funghi e le varie erbe magiche che servono anche per curare i malanni invernali. Insomma il villaggio del folletto Fattore è davvero sempre molto animato , allegro e vivace..Oh santo cielo bambini! dimenticavo il Folletto Lunario!

Folletto Lunario

Lui è molto molto importante perché conosce i cicli lunari, apprende dal cielo quando ci sarà il sole e quando pioverà, insomma scandisce i tempi di tutte le attività agricole..Dice ai folletti per esempio in primavera quando è tempo di  seminare, dice quando raccogliere la frutta e quando mangiarla per avere il massimo della bontà e delle vitamine. Quando spandere il concime affinchè il terreno possa facilmente nutrirsi e con lui i lombrichi , le chiocciole il grillotalpa e molti altri insetti. Senza di lui tutto il lavoro sarebbe inutile e i folletti potrebbero rischiare di morire di fame.


[1] (Nel paese di Clusone, in provincia di Bergamo, si racconta di uno Squass, piccolo Folletto pestifero, che era solito mettersi a cavalcioni sui tronchi che costeggiavano la strada e ridere a squarciagola degli ubriachi che il lunedì sera tornavano dal mercato Di questo particolare Folletto non si ricordano però le fattezze.
[2] pittoresca casata di Folletti abitatori delle regioni del nord-ovest dell'Italia, specialmente nella provincia di Cuneo. Piccoli, svelti e agilissimi, sono dotati di una forza incredibile e si mantengono quasi sempre invisibili. I Servan sono soliti frequentare le campagne e le case dei contadini, oppure baite di montagna. Quando vengono offesi o scacciati si vendicano combinando una lunga serie di scherzi che costringe gli occupanti a lasciare l'abitazione. Solitamente, come quasi tutti i Folletti della tradizione italica, smorzano la virulenza dei loro scherzi in presenza di una bella fanciulla. Anzi, si racconta che in molti casi alcuni Servan rinuncino alla loro indole dispettosa per aiutare le ragazze nelle faccende domestiche, in cambio della loro compagnia. I Servan desiderano oltre ogni cosa assomigliare all'uomo e perciò spesso scambiano i loro piccoli con i bambini appena nati
[3] Omino del Sonno:E' un piccolo Folletto che si aggira per le campagne durante le ore notturne. Indossa un cappello a cilindro e penetra nelle case di campagna attraverso i muri. Con se porta sempre un sacchetto di sabbia che non si esaurisce mai. La sabbia gli serve per lanciarla a pizzichi negli occhi dei bambini che non vogliono dormire o stentano a prendere sonno. E' conosciuto un po' ovunque nella nostra penisola, ma soprattutto al nord dove è chiamato Sabbiolino.
[4] Folletto notturno del bresciano. Piccolo e terribilmente dispettoso, si diverte ad affliggere le persone assopite con grida e scherzi insopportabili. Talvolta si siede sul petto dell'ignaro dormiente rubandogli il respiro e provocandogli degli incubi incredibili. Per allontanarlo bastano dei semplici scongiuri o degli amuleti. In alcune zone si usava infilare sotto al letto una croce di Sant'Andrea.
[5] Simpatico Folletto abitatore dei passi alpini, vive sulla catena dolomitica nella zona del fiume Brenta. Amico della gente che visita le sue montagne, aiuta i turisti che si smarriscono lungo i sentieri. Amico degli animali e dei contadini il Rurel di solito è invisibile e assiste a ogni mungitura badando a che nulla vada storto. Quando le bestie sono agitate e irrequiete, è sufficiente che il Folletto si metta vicino a loro, rimanendo sempre invisibile, perché si calmino all'istante.
 

I nomi dei folletti sono tratti da: Elfi, Gnomi, Nani e Folletti (dizionario del Piccolo Popolo) di Giorgio Schottler, edizioni "Domino Avallardi"

4 commenti:

  1. Questi folletti sono adorabili, tutti bellissimi, peccato che ho dovuto sceglierne solo 1 per il contest "Fatti conoscere con il tuo post più famoso". Grazie della partecipazione, ciao a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille da tutti i folletti!!!

      Elimina
  2. il contest "fatti conoscere con il tuo post più famoso" è terminato, con il materiale inviato sto facendo dei video raccolta, sono già usciti i video "le idee di Natale" e "idee dolci" il tuo post farà parte del video "idee di bricolage dal web: le più cliccate", impressa sopra la tua creazione ci saranno il nome e l'indirizzo del tuo blog. Il video verrà pubblicato su YT e condiviso su Fb e Twitter. ciao a presto e grazie di aver partecipato

    RispondiElimina